• Home
  • /
  • VIAGGI
  • /
  • Estate in Piemonte a 1350 metri: CESANA TORINESE in camper

Estate in Piemonte a 1350 metri: CESANA TORINESE in camper


Anche quest’anno come nel 2022, il Piemonte è la nostra casa estiva.
Vieni con noi ad oltre 1300 metri a scoprire Cesana Torinese.



L’estate per noi significa montagna, fiumi, boschi, fresco e tanto verde.
Senza percorrere migliaia di chilometri, in “casa” abbiamo la fortuna di avere il Piemonte che rappresenta perfettamente la nostra location ideale per trascorrere una fresca estate lontano dalle città infuocate e prese d’assalto dal turismo stagionale.

Il nostro viaggio comincia i primi giorni di Giugno e li dedichiamo alla rivisitazione dei luoghi che lo scorso anno abbiamo vissuto come dimora per oltre un mese.
A Castellar, Valdieri, Sala Monferrato e Saluzzo (puoi leggere i nostri articolo dedicati cliccando sul nome >> SALA MONFERRATO << e >> SALUZZO/CASTELLAR << ), ripercorriamo i nostri passi assaporando la piacevole sensazione di tornare dove c’è il sapore di casa.

SESTRIERE, LA PRIMA TAPPA

A metà mese, decidiamo di spostarci un po’ più in alto, ma molto più in alto.
Passiamo così dai 400 metri s.l.m. di Saluzzo ai 2035 di Sestriere alla ricerca dell’antidoto al forte caldo estivo che si sta affacciando nelle pianure e nelle città.

La strada che porta a Sestriere è piuttosto impegnativa, soprattutto per un camper che viaggia sempre a pieno carico. Difatti gli ultimi 10 km mettono a dura prova la sua meccanica nei tratti in cui, a causa della forte pendenza, si rende necessario percorrerli con la 2° marcia: ma il nostro Griblù riesce nell’impresa, nonostante il passo lento, senza problemi.

Sestriere in questo periodo dell’anno è un paesino “fantasma” e molte delle strutture ricettive sono sigillate in attesa dell’alta stagione.
Sembra tutto un po’ trascurato e abbandonato ma questa è per noi solo una tappa per programmare il viaggio e sostare la notte.

Ovviamente il paesaggio panoramico è strabiliante: ci circondano il verde e le montagne ancora innevate in un borgo prettamente turistico in cui, a tratti, ci si immerge nel classico paesino montano che sopravvive in silenzio fra alberghi e residence che rappresentano la maggioranza dell’architettura di Sestriere.

Inutile rimarcare che le temperature a questa quota non ci fanno rimpiangere le città: 20 gradi di giorno, poco meno di 10 la notte.
Il riscaldatore a gasolio si avvia senza indugi dopo 3 mesi di stop e dormiamo in uno splendido tepore.
Durante la notte ci sveglia un fortissimo vento accompagnato da una fitta pioggia ma la mattina apriamo gli occhi in un’alba che colora di arancione tutti i monti attorno.

CESANA TORINESE


E’ venerdì e decidiamo di spostarci prima che il weekend riempia di turisti occasionali le vallate: la tappa successiva è Cesana Torinese a pochi chilometri, in totale discesa, da Sestriere.
Passiamo così dai 2035 metri di altitudine a 1350.

Cesana Torinese dispone di una bellissima area comunale attrezzata per camper che in questo momento è gratuita.
Un plauso va fatto a chi ha progettato la grata dello scarico delle acque grigie/nere perché rappresenta l’assoluta perfezione in termini pratici e igienici.

Il parcheggio è leggermente inclinato ma non crea fastidio, sono presenti anche le colonnine della corrente di cui non abbiamo necessità essendo autonomi al 100%.
Vicino all’area sono presenti i cassonetti per la raccolta differenziata, una piccola fontana ma soprattutto il fiume Ripa che, in questo periodo, è ricco di acqua che rinfresca abbondantemente la zona.

In futuro è prevista l’apertura di una nuova e più grande area attrezzata per camper esterna al paese che, a parere nostro, potrebbe penalizzare un poco la comodità di raggiungere il centro.
Cesana Torinese, come molti altri piccoli borghi, vive grazie anche al grande afflusso turistico e, come abbiamo sempre sottolineato, quello itinerante è un valore aggiunto importante da non sottovalutare e discriminare.

Le temperature a fine giugno sono favolose: 22/25 gradi di giorno, 10/12 la notte, nulla a che vedere con i 30/35 umidissimi delle metropoli.
Il paese, pulitissimo e ordinato, conta poco meno di 1000 abitanti ma offre ogni tipo di attività commerciale al servizio di chi vuole fare turismo tutto l’anno.

A disposizione di noi itineranti, infatti, c’è tutto il necessario: un eccellente linea extraurbana di autobus per le valli confinanti, un pratico supermercato DESPAR per le spese generiche, tante botteghe per le sfiziosità locali, una lavanderia a gettoni, una parrucchiera, un mercato settimanale ed un operativissimo punto informazioni turistiche dove documentarsi per vivere delle amenità del luogo e dei dintorni.

Per noi l’oasi di Cesana è perfetta perché possiamo ancorare la nostra casa su ruote e disporre, a 1350 metri di altezza, di tutto quello di cui necessitiamo in città, potendo sostare per molto tempo senza spostarci.
Viviamo esattamente come un residente, apportando beneficio economico alle piccole attività locali di cui usiamo i servizi ogni giorno.



Siamo attorniati da numerosi percorsi naturalistici che raggiungono i borghi confinanti e che certamente toglieranno la parola noia dal nostro vocabolario quotidiano.
Su tutti, abbiamo adottato il sentiero che collega Cesana a Bousson e che si percorre a margine del fiume Ripa, attraverso boschi e verdi prati.
Un’oretta di cammino non impegnativo, che in questa stagione regala le belle fioriture di Maggiociondolo, alberi ricchi di fioriti grappoli pendenti gialli che, appunto, dal mese di maggio ciondolano profumando l’aria.
Il fiume Ripa a tratti regala pittoresche cascatelle e allieta la camminata con un favoloso fresco rigenerativo.



Giunti a destinazione, il minuscolo borgo di Bousson (1428 metri s.l.m. e poco più di 80 abitanti) offre ai turisti la classica architettura montana, qualche trattoria tipica e la chiesa parrocchiale eretta nel XVI secolo in onore della Madonna delle Nevi.


CESANA TORINESE IN PILLOLE

Cesana Torinese (TO) è un comune di circa 900 abitanti sito nell’alta Val di Susa e dista 90 km da Torino e 10 km dal confine francese.

Sorge a 1354 metri di altitudine s.l.m. ai piedi del Monte Chaberton (3130 metri s.l.m.), alla confluenza dei torrenti Ripa, proveniente dall’omonima valle, e Piccola Dora, che scorre dal Colle del Monginevro.

E’ inoltre parte della Unione dei Comuni Olimpici Via-Lattea assieme ai comuni limitrofi di Sestriere, Sauze di Cesana, Claviere, Pragelato e Sauze d’Oulx.

Fra le mete più gettonate ci sono: il Lago Nero, la Chiesa di San Giovanni Battista, la Casa delle Lapidi, il Ponte Tibetano ed il Parco avventura Chaberton.
Inoltre l’appartenenza al comprensorio sciistico della Via Lattea, offre numerose opportunità per gli amanti degli sport sulla neve.

Presso il PUNTO INFORMAZIONI TURISTICHE sono disponibili gli orari ed i biglietti per i bus, le locandine con le caratteristiche della zona e le mappe con gli itinerari naturalistici con i diversi livelli di difficoltà.













Nel 2016 sono stato folgorato da una profezia, abbandonare i muri di mattone per vivere in un camper mansardato di 6.5 metri. Nel 2017 è nato CIVICO ZERO, il più grande diario di bordo di vita in camper. Segui "CIVICO ZERO - La mia vita in camper" su BLOG - FACEBOOK - TWITTER - YOUTUBE - INSTAGRAM

Scopri di più da Civico Zero - La mia vita in camper

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading